Su “Il cielo aperto del corpo” di Fabia Ghenzovich (Kolibris 2011)

Clicca sugli screenshot per leggere