È in arrivo il nuovo libro di Francesco Benozzo, poeta candidato al Nobel per la Letteratura

 

FBenozzo

 

A settembre 2015 Edizioni Kolibris pubblicherà Felci in rivolta, un nuovo poema di Francesco Benozzo, un nuovo inoltramento nelle profondità dei paesaggi per parlare di vita e morte, dei fondali del cuore umano e della scomodità della poesia e del poeta, sempre in bilico tra sogno e invettiva, tra nostalgia dell’imperfezione e rifondazione di nuovi mondi.  Felci in rivolta uscirà in edizione bilingue, con la traduzione in inglese di Gray Sutherland
Già autore per Kolibirs di Onirico geologico (2014) Francesco Benozzo è stato recentemente candidato al premio Nobel per la letteratura

 

In September 2015, Edizioni Kolibris will be publishing Francesco Benozzo’s new work Felci in rivolta (Ferns in Revolt), in which the poet travels once more into the depths of the landscape to speak of life and death, the depths of the human heart, and the discomfort of poetry and the poet always poised between dream and invective, between nostalgia for imperfection and the founding of new worlds. Felci in rivolta will be issued in a bilingual edition: the English translation is by Gray Sutherland. Francesco Benozzo’s earlier work Onirico geologico (Oneiric geological) was published by Kolibris in 2014. Recently he was nominated for the Nobel Prize in Literature.

 

 

 

PARTE PRIMA

 

LE SILLABE IN MOVIMENTO

SOPRA IL MONDO IN ROVINA

 

 

Poi cadde il quarto, l’ultimo dei mondi

terra su terra, crinale del corpo,

rugiada di parole sopra il ventre.

 

E c’era un orizzonte fosco-ruggine

di foreste salate, acide, oblunghe

dentro un ronzio scomposto di viandanti

senza sentieri e senza antichi canti

 

solo un cadere-implodere-spezzarsi

 

le rovine degli angeli di pietra

le cadute degli angeli di vento

il disseccarsi degli abbeveraggi

le antiche vie ridotte a geroglifici.

Noi ci appartammo – poggio di confine –

per cercare parole come mari

sillabe bianche di segale chiara

e versi somiglianti ad altre isole.

 

[…]

 

 

 

 

PART ONE

 

SYLLABLES IN MOTION

ABOVE A WORLD IN RUIN

 

 

Then fell the fourth, the last of the worlds

earth upon earth, the body’s crest,

a dew of words above the stomach.

 

And a horizon there was dark and rusty

of oblong, acid, salty forests

within a dishevelled humming of wayfarers

with no paths, no ancient songs

 

only a falling-imploding-snapping

 

the ruins of angels of stone

the fall of angels of the wind

the drying out of watering

the ancient roads reduced to hieroglyphs.

Aloof we stood – frontier hillocks

seeking words like seas

white syllables of pale rye

and lines resembling other isles.

[…]

 

Francesco Benozzo (nato il 22 febbraio 1969) è un poeta, musicista e filologo italiano. È autore di lunghi poemi epici sul paesaggio naturale che in genere compone oralmente, per poi musicarli ed eseguirli all’arpa celtica. Nell’agosto del 2015 è stato candidato al Premio Nobel per la Letteratura per la sua poesia in difesa dei luoghi naturali e per il suo uso di tecniche appartenenti all’antica tradizione della poesia orale. È autore di quasi 500 pubblicazioni, tra cui lavori accademici sulla poesia orale, sullo sciamanesimo, sul pensiero anarchico, sull’etnofilologia, e sulla questione del paesaggio in letteratura. Come cantautore e arpista, ha pubblicato 8 CD, prodotti in Italia, Danimarca e Regno Unito e ha ricevuto due menzioni speciali agli Edinburgh Folk Awards. Ha rappresentato la poesia italiana al Festival Literario de Madeira e ha preso parte all’ultima edizione del Printemps des poètes francese. Ha accompagnato Wisława Szymborska all’arpa durante la sua performance poetica romana.

 

Francesco Benozzo (born 22 February 1969) is an Italian poet, musician and philologist. Author of long epic poems about natural landscapes, he usually composes them orally and then perform them with his harp. In August 2015 he has been nominated for the Nobel Prize in Literature for his poetry in defence of natural places and for his use of techinques belonging to the ancient tradition of oral poetry. He is the author of almost 500 publications, including academic works on oral poetry, shamanism, anarchism, ethnophilology, and the problem of landscape in literature. As a song-writer and harpist, released 8 CDs, produced in Italy, Denmark and UK, and won two special mentions at the Edinburgh Folk Awards. He represented Italian poetry at the Festival Literario de Madeira and took part to the last editions of the French Printemps des poètes. He performed in Rome together with Wisława Szymborska.

 

Su "La Gazzetta di Modena 26/07/2015
Su “La Gazzetta di Modena 26/07/2015

 

Read more:

http://edizionikolibris.net/2015/07/26/francesco-benozzo-candidato-al-nobel/

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Portal:Literature/News#News

https://www.facebook.com/pages/Francesco-Benozzo-tribute-page/192874474058334?ref=ts&fref=ts