Gabriella Grasso, Quale confine