Tom Leonard, Accesso al silenzio

Collana Guillemot – Poesia scozzese contemporanea
Tom Leonard, Accesso al silenzio
ISBN 978-88-96263-27-3
pp. 282, € 12

Tom Leonard crea caos e spalanca le porte. Sparge parole sulle pagine, le polverizza, le ribalta, occupa lo spazio dell’intera pagina con una lingua che non è più lingua e al contempo è l’unica lingua possibile per dire quanto va detto. La sezione Situazioni teoretiche e contemporanee, una serie di poesie brevi o frammenti, ne è uno degli esempi: Leonard scrive “più o meno” inglese per affermare la distanza tra quanto dice e il mondo delle arti, dell’establishment culturale, dal mondo politico. Per farlo si serve di una parola che si caratterizza come fosse un silenzio, spesso un silenzio che, in confronto e in contrapposizione col mondo materiale, prevale sul mondo intellettuale. Oppure prepara quanto accade ne il luogo di nora, dove una donna (Nora) viene presentata attraverso le proprie stesse parole e quelle di quanti la circondano, una sezione (sequenza) dove in poesia viene portato “l’impoetico”, che sia una lista della spesa, la routine giornaliera o la realtà quotidiana della vita domestica.
Ovunque Tom Leonard afferma la propria posizione non allineata, contestatrice, civilmente osservante e critica. Un atteggiamento che gli valse nel 1984 (alla pubblicazione di Intimate Voices: Selected Works 1965-1983) il bando da tutte le biblioteche scolastiche della regione (proprio quando ottenne il prestigioso premio come libro scozzese dell’anno).

dalla Prefazione di Fabiano Alborghetti

Uno scrittore attempato

L’antica rabbia acuminata
è adesso
genialità geriatrica;

l’antica ironia,
–una serietà equilibrata.

È difficile restare arrabbiati
sopra un ventre pieno;

–difficile stare allegri
su una pillola inghiottita amaramente.

Author:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.