Enda Wyley, Risvegliarsi a questo

Snáthaid Mhór – Poesia irlandese contemporanea
Enda Wyley, Risvegliarsi a questo
ISBN 978-88-96263-21-1
pp. 122, € 12

Parole che cercano la vita, che incarnano l’attesa. Parole che divengono immagini piene di premura – nelle scale della notte, nelle fiamme morbide della lanterna, nel legno scricchiolante del pavimento. Un sogno sfreccia e si fa guardiano, tra il corridoio e la stanza delle ninna nanne copre d’amore il sonno della bambina. Gli occhi che trovano gli occhi, la voce che si apre in un sospiro di madre. Poi le mani che stringono la camicia, la bocca umida sul petto, il nido della gola che inghiotte il latte. Delicata, nei passi lenti che ci trascinano, la pagina interiore si apre sui primi cinguettii del mattino, si sporge oltre la finestra, per guardare il sole dimenarsi nel morso di un pancake – acque, sabbie, rocce, ciuffi d’erba, come un incantesimo imperlano la parete dei versi. È un libro di minime magie risvegliarsi a questo di Enda Wyley. Un libro di segreti lucenti, di soglie arruffate tra i fiori delle guance e gli abitini gettati sulle lenzuola. Si è attraversati dalla gioia in queste pagine, da gemiti e sogni di fragole, che dalla culla si tendono come presagi. Il legame si stringe quando i corpi sono distanti, diventa nodo, chiedendo a ogni secondo lealtà e dolcezza. Tra specchi colorati e giraffe di pezza, i fogli bianchi si scrivono in fretta, prima che una carezza sfiori il piccolo cuore, e allontani ogni contraddizione. Sul bordo dei precipizi, in una memoria fatata, le poesie si fanno sempre più responsabili, amano e si lasciano amare, mentre il fumo sale dalle tazze calde e il vapore dei vetri sposa il ticchettio dell’orologio.

Dalla Prefazione di Gianluca Chierici

Clooncunny

Come oscillavano le nostre mani
tra le canne oggi, sfiorando la gioia –
il chiurlo maggiore a metterci in riga,
gli altri rimasti al cottage e noi liberi,
a meravigliarci d’esser giunti fin qui, le nostre voci
si levano limpide sull’umido sentiero verso il molo,
il lago increspato da scardole e pesci persici.
Quel che verrà possiamo solo intuirlo,
soltanto stupirci di essere in cima
a questo campo verde in pendenza,
con la quiete a crescerci dentro.

Author:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.